This Fall’s Velvet Underground

copertina

A time travel in the most sumptuous past and the most sophisticate style: this year, Autumn brings us back to the seventeenth-century splendor, where daring is only human, but to persist in it, is chic. Seen on the catwalks, praised in the best editorials, velvet dethrones summer silk and comes back in Autumn to talk about a new renaissance, still precious but less pretentious, where total looks are welcomed but surely less oppressive, bringing the most opulent fabric of all out of the exclusive evening dressing area.

Indeed, what’s new this season is the varied offer with velvet everywhere-anytime: for the first crispy and relaxed fall’s nights with draped dresses (Rochas), the office uniform with one-color suits (3.1. Philip Lim, Bottega Veneta), a bohemian casualwear (Disegual, Trussardi) or the most precious daywear (do you remember Blake Lively’s Valentino yellow dress in Cannes?).

Viaggio nel tempo, nel passato più sontuoso e lo stile più sofisticato: quest’anno l’autunno ci riporta indietro nello sfarzo seicentesco, dove osare è umano e perseverare è davvero chic. Visto in passerella, osannato (già) nei migliori editoriali, il velluto spodesta la seta estiva e torna in autunno per parlare di un nuovo rinascimento, ancora prezioso, ma meno pretenzioso, dove il total look è ben accetto ma sicuramente meno oppressante, portando il tessuto più opulente di tutti fuori dall’esclusivo eveningwear.

La novità della stagione, infatti, sta nella proposta variegata, con il velluto visto sotto ogni tipo di forma, per ogni tipo di occasione: per le prime rilassate serate autunnali con vestiti drappeggiati (Rochas), l’uniforme da ufficio con completi monocolor mono-doppio petto (3.1. Philip Lim, Bottega Veneta), il casualwear dai richiami bohemien (Disegual, Trussardi) o il daywear più prezioso (Blake Lively in giallo Valentino a Cannes, dice niente?).

velvet

1.Haider Ackermann; 2. Faith Connexion; 3.Aquazzura;  4.T by Alexander Wang; 5.Giuseppe Zanotti Design; 8.Aquazzura; 11.J.W.Anderson; 12.T by Alexander Wang; 17.Salvatore Ferragamo; 18.Dodo Bar Or; 19.Attico; 21.Saint Laurent 23.Valentino Garavani

And there’s even who made velvet a mantra, making it the fabric to have always in the closet, no matter what, able to satisfy any desire. With its intimate and feminine dresses, Attico made velvet a state of mind thanks to those precious draperies and that private sensuality, for an aristocratic yet urban style. And if exaggeration is the synonym of this great fabric, so even colors join the trend to create a wrapping effect, with a vibrant-bright palette (from yellow to green) which contribute to give grandeur to the most opulent fabric of all times.

E c’è chi anche del velluto ha fatto la propria bandiera, trasformandolo nel tessuto da avere sempre e comunque nell’armadio, e capace di soddisfare ogni esigenza. Con i suoi vestiti intimisti e femminili, Attico ha fatto del velluto uno stile di vivere, grazie ai drappeggi preziosi e una sensualità privata, per uno stile aristocratico urbano. E se esagerazione è il sinonimo dietro a questo tessuto grandioso, allora anche i colori si uniscono per creare un effetto avvolgente, con una gamma vibrante e accecante (dai gialli ai verde prato) che contribuiscono a conferire grandeur al tessuto più opulente di sempre.

Comments are closed.