Seapunk is a strage world

seapunk

If few years ago you set foot al Plastic’s Londo Loves perhaps you have a rough idea of ​​what the seapunk is.

A microculture, a niche trend that is spreading like wildfire. It is a microcosm of music, style and design, if you choose to be seapunk can be only 360 °.

The movement was born in Tumblr, when in January 2011 DJ @lilinternet wrote the first reference. Shortly Cluster Mag baptizes as “a mostly Internet-based phenomenon, birthed out of the tumblr and twitter universes as a means-to describe a lifestyle aesthetic that is all things oceanic and of the sea.” The Guardian in 2012 defines it as an ironic evolution of pop, but the feeling is very different. The movements born on the web have more difficulty in being accepted as real. But modern man is made of virtual reality and material reality.. so about seapunk? Should we resign ourselves to accept the emergence of subcultures from the network and not from the street. Internet at the end is a window on the world.

Stella McCartney

The aesthetics of seapunk refers definitely to the marine world, but it is simplistic. It is a mixture of ideas born from the world healthgoth, transposed in pastel colors, added references to classicists-90s and a strong base of lifestyle, the vegan diet is a must among the adepts.

Seapunk

Music is the first form of expression, artists like Azealia Banks, Zombelle and Ultrademon are the main representatives. The sounds have reminders of the 90 house and R & B. One example: the video for Rihanna’s “Diamonds” is full of seapunk suggestions.

Seapunk

Albert Redwine, aka Ultrademon, is one of the characters of reference of this subculture. The close conviction on vegan diet that led him to cultivate mushrooms (yes, even those hallucinogens), build a seapunk philosophy and produce something unique and cultural.

Fausto Puglisi

Now, if you want to convert, you will need to book an appointment from your hairdresser of trust: turquoise hair are a must. A statement of belonging. Then add a good dose of street wear to your wardrobe and take out any kind of animal protein from your fridge.

Wrap yourself in the musical suggestions and you’re done.

Welcome to the seapunk world!

Versione Italiana

 

Se qualche anno fa avete messo piede alla serata London Loves del Plastic forse avete una vaga idea di cosa sia il seapunk.

Una microcultura, una nicchia di tendenza che si sta espandendo a macchia d’olio. Si tratta di un microcosmo fatto di musica, stile e design, se scegli di essere seapunk puoi esserlo solo a 360°.

Il movimento è nato in Tumblr, quando nel gennaio 2011 DJ @lilinternet scrisse la prima referenza. Da lì a poco Cluster Mag lo battezza come “a mostly internet-based phenomenon, birthed out of the tumblr and twitter universes as a means to describe a lifestyle aesthetic that is all things oceanic and of the sea.” The Guardian nel 2012 lo definisce come un’ironica evoluzione del pop, ma la sensazione è ben diversa. I movimenti nati sul web hanno più difficoltà ad essere accettati come reali. Ma l’uomo contemporaneo è fatto di realtà virtuale e materiale… quindi perché non credere al seapunk? Dovremmo rassegnarci ad accettare la nascita delle subculture dalla rete e non dalla strada. Internet alla fine è una finestra sul mondo.

Michael Kors

 

L’estetica del seapunk si rifà sicuramente al mondo marino, ma è riduttivo. È un mix di suggestioni nate dal mondo healthgoth, trasposte in tinte pastello, sommate a richiami classicisti-anni ‘90 ed una forte base di lifestyle, la dieta vegana è un must tra gli adepti.

La musica è la prima forma di espressione, artisti come Azealia Banks, Zombelle e Ultademon sono i principali rappresentanti. Le sonorità hanno richiami di house anni ’90 e R&B. Un esempio per tutti: il video di Rihanna “Diamonds” è pieno di suggestioni seapunk.

seapunk

Albert Redwine, in arte Ultrademon, è uno dei personaggi di riferimento di questa subcultura. La stretta convinzione sulla dieta vegana che l’ha portato a coltivare funghi (si, anche quelli allucinogeni), costruire una filosofia seapunk e produrre un qualcosa di unico e culturale.

Ora, se volete convertirvi, dovrete prenotare un appuntamento dalla vostra parrucchiera di fiducia: i capelli turchesi sono un must. Una dichiarazione di appartenenza. Poi aggiungete una buona dose di streetwear al vostro guardaroba, gioielli di ispirazione classica ed eliminate ogni tipo di proteina animale dal vostro frigo.

Gucci

Lasciatevi avvolgere dalle suggestioni musicali ed il gioco è fatto.

Welcome to the seapunk world!

Comments are closed.