PARTYWEAR: THE STATEMENT TUXEDO

tuxedo

It’s called tuxedo, but it means elegance. The ultimate manswear piece is now becoming a “can’t live without” dress even for the female counterpart, who promptly flaunts it in place of sheaths and gowns.

Tuxedo

Classy, extremely refined and definitely unexpected, the power suit was first celebrated in the 60s by Yves Saint Laurent with its evening tuxedo for women, and it still overcomes seasons and trends, proving to be an after-dark essential.
Even this year, there are endless models of tuxedo, and they all perfectly adjust to every occasion: from cocktail party to an after-dinner-thing, especially during this holiday season they are flawfless when you’re fed up of all the ceremonial long or short dresses. So, for your Christmas lunch or your New Year’s Eve, you won’t go wrong with an impeccable tuxedo.
Victoria Beckham, for example, is for a lively classic model, aiming at timeless black and the satin finishes, but cut long the arms, cape-like, lending a more chic result.

Tuxedo
Androginy with dandy shades, the double-breasted is the passe-partout of DSquared2, but well accessorized with outré details, like the hats and the papillon, that gives the look an elegant and modern duplicity.

Tuxedo

Well-linked to traditions, Re Giorgio never stops celebrating his first love, suggesting tailored suit, playing with shapes (clean and refined) and fabrics (velvet, above all), creating timeless outfits that are perfect from day to night. Just like Gucci does with is printed suit, that is tribute to femininity.

Of course, there’s Saint Laurent again, more modern and aggressive than ever, who revisits the tuxedo jacket, matching it with leather skirts or pants, bestowing a grunge touch to the finish.

Tuxedo
Whether it is classic or extremely flashy, with a pair of high-heel sandals or pointed derbies, tuxedo keeps on winning the super-luxe elegance award, reconfirming itself as an iconin piece even of the female wardrobe.

–Versione Italiana–

Si chiama tuxedo, si legge eleganza. Il capo maschile per eccellenza è diventato ormai un “can’t live without” anche per la controparte femminile, che lo sfoggia senza indugiare e con decisa fermezza al posto di tubini e abiti lunghi.
Di classe, estremamente raffinato, e decisamente inaspettato, il power suit portato in auge negli anni ’60 per la prima volta da un certo Yves Saint Laurent (lasciando di stucco quando face sfilare in passerella uno smoking da sera femminile), resiste alle stagioni e alle mode, confermandosi come indispensabile per un look after-dark.
Le varianti, infatti, sono infinite e si adattano alla perfezione a ogni tipo di occasione: dal cocktail party a un dopo cena e, soprattutto, durante questa stagione di feste, quando il classico vestito è già stato visto e stravisto e l’abito a sirena è troppo cerimonioso. Così, per il pranzo di Natale o il cenone di San Silvestro, ci si può sbizzarrire, senza sbagliare, con le infinite e più vite del tuxedo.

Tuxedo

Classico ma con brio, per esempio, è il modello di Victoria Beckham, che punta sull’intramontabile nero e le rifiniture in satin, ma aperto sulle braccia, a mo’ di cappa, conferendogli un tocco molto più che chic.
Decisamente androginy e dalle sfumature dandy, invece, la scelta di DSquared2, che fa del doppiopetto il suo passepartout, accessoriandolo di dettagli vistosi ed eccentrici, come il papillon e il cappello, creando un gioco di ambiguità elegante e contemporanea.

Tuxedo
Legato alle tradizioni, poi, Re Giorgio non smette di celebrare il suo primo grande amore, proponendo per la sua linea Emporio Armani completi dal taglio impeccabile, giocando sia con le forme (decise e raffinate) che sui materiali (il velluto su tutti) creando delle proposte che ben si addicono tanto al look da giorno quanto a quello da sera. Così come Gucci, che fa del completo stampato su sfondo nero un inno alla femminilità, con i suoi modelli dark printed e perfettamente rifiniti.

Tuxedo

Contemporaneo e aggressivo, Saint Laurent, rivisita la giacca dello smoking, abbinandola a gonne e pantaloni in pelle e camicie tartan, conferendole un’aura più grunge, che tanto piace oggi.

Tuxedo

Che sia classico o esageratamente vistoso, quindi, poco importa: abbinato a un paio di sandali vertiginosi o delle derby a punta, il tuxedo continua a vincere il premio per l’eleganza super-luxe, riconfermandosi capo iconico anche del guardaroba femminile, con un twist in più.

Comments are closed.