Must Have: Givenchy Antigona

Givenchy Antigona

Givenchy Antigona

Antigone: the representation of that femininity that us women know very well. The one that goes against any rules, the one that listen to pride and justice, the one that surrounds our childhood with legends and bedtime stories.

Antigone, says the legend, was imprisoned and died in a cave because she disobeyed the royal orders to bury her “traitor” brother.

I do not know whether they are these heroic values or the fact that I associate them with a slender womanly figure: noble’s features and long silky dark hair. Most definitely is simply the name’s fault (Did Maison Givency do it on purpose?) that makes me so proud of being a woman.

What better way to celebrate our femininity or even to feel indestructible? And what better way to feel indestructible if not by taking our daily “fighting kit” with you? Now the answer is very simple, right? The Antigona bag from Givenchy not only can easily carry our spear and shield (=mobile and extra battery), but most of all it gives us that urban heroine look that we need to in order to fight our daily battles.

I consider myself an “oldie but goody” type of woman. I mean that kind of woman that identifies herself with the generation of “pre-mobile phone for infants”. I am talking about the generation that is not very much up to date with pop idols and such. However I have to admit that there are occasions when different generations agree upon certain universal truth: Christmas with the family, Bon Jovi concerts and Gossip Girl’s wardrobe.

If you are not familiar with the TV series, I do not advice you to start watching it. It could cause a terrible addiction. The point is that Gossip Girl has certainly made a style Era where it bags make the person. I talk in the past because this trend is over, just like the TV series.

The bag is not anymore an overwhelming accessory that defines who you are. Furthermore the bag is not a seasonal accessory that you should be ashamed of owning after six months. Maison Givenchy has certainly understood this kind of change. This is the reason why Givenchy bag’s designs are constant from season to season.

Personally I have been contemplating whether to buy the Antigona bag: a simple design, but of strong character and of very durable quality. It is scratch resistant due to its leather texture and it is also big enough for all my nécessaire. Most of all the Antigona is a bag that will guarantee me the freedom of being myself. This bag doesn’t dictate you to bend in favor of fashion trends. By wearing it you are not an Antigone, you are yourself and you know it; for this reason you can afford to choose a bag as strong as yourself. Riccardo Tisci did not create the Antigona to shade the wearer, on the contrary: he created it to underline the value of us women who know how to carry ourselves.

Givenchy Antigona

Antigone: la rappresentante di quell’eroismo femminile che noi donne conosciamo bene. Quello che va contro le regole, quello che ascolta l’orgoglio e la giustizia, quello che ci ricorda la nostra infanzia, le leggende e le fiabe.

Antigone, infatti, era stata murata viva dopo aver eroicamente disubbidito agli ordini reali per onorare il fratello, dandogli una degna sepoltura seppure lui fosse stato un “traditore della patria”.

Non so se siano questi valori di eroismo femminile o il fatto che li associo a una donna slanciata, dai lineamenti nobili e i lunghi capelli corvini. Probabilmente è semplicemente colpa del nome (che la Maison Givenchy abbia fatto apposta?) a rendermi così orgogliosa di essere donna.

Quale modo migliore per celebrare la nostra femminilità se non sentirci indistruttibili? E quale modo migliore per sentirci indistruttibili se non portandoci appresso per tutto il giorno il nostro kit da combattimento? Direi che a questo punto la risposta è ovvia. L’Antigona di Givenchy non solo può facilmente contenere lo scudo e la lancia (anche detti: cellulare e caricabatteria), ma soprattutto ci regala quel look da eroine urbane che ci serve per combattere le nostre battaglie giornaliere.

Per quanto mi riguarda, mi ritengo una donna vecchio stampo. Ovvero sono quel tipo di donna che s’identifica con le generazioni “pre-cellulare durante l’età degli omogenizzati”. La generazione insomma che non è più così al passo con gli idoli pop del momento.  Devo comunque ammettere che ci sono occasioni e coincidenze secondo le quali vari generazioni concordano su grandi verità, quali: Natale in famiglia, Bon Jovi in concerto e il guardaroba di Gossip Girl.

Se non siete familiari al telefilm, sinceramente vi sconsiglio di iniziare a guardarlo, potrebbe ridursi a una terribile dipendenza. Il punto è che questo telefilm ha certamente segnato un’Era di stile durante il quale le borse (famigerate it bag) facevano la persona. Parlo al passato perché questa Era è finita, proprio come il telefilm.

La borsa non è più un accessorio talmente soverchiante che definisce chi sei. Inoltre oggi la borsa non è nemmeno un accessorio stagionale da vergognarsi di possederlo dopo sei mesi. La Maison Givenchy ha sicuramente capito questo cambiamento. Infatti, il design delle borse è costante di stagione in stagione.

Personalmente è da qualche tempo che contemplo di acquistare l’Antigona. Un design semplice, ma di carattere, dalla qualità duratura. Resistente a graffi, e grande abbastanza per tutto mio nécessaire. Soprattutto è una borsa che mi garantisce la libertà di essere me stessa. Questa borsa non detta di piegarti al suo potere modaiolo, indossandola non sei un’Antigone, sei te stessa e lo sai; per questo puoi permetterti di scegliere una borsa dalla personalità altrettanto forte. Riccardo Tisci non ha creato l’Antigona per oscurare la persona che la porta, al contrario, l’ha creata per valorizzare noi donne che sappiamo portare noi stesse.

Thirsty traveller and collector of inspiration around the world, currently based in Hong Kong.

Comments are closed.