THE GENTLEMAN PERFECT SHOES

Copertina

There are things in life that every gentleman must keep in his mind: diamonds aren’t an optional. Neither good shoes. If the first concept is easly understandable (and applicable), attention should be paid for the second one.
The basic rule is “good but few”. With classic but varied colors so to cover a wide range of pairings and, above all, at least one good model for every occasion.

Ci sono cose nella vita che ogni gentleman deve avere ben impresso nella sua mente: i diamanti non sono un optional. Le belle scarpe nemmeno. Se il primo concetto è di facile comprensione (e applicazione), un po’ più di attenzione va prestata per il secondo.
La regola di base è meglio poche ma molto di buona fattura. Dai colori classici ma variegati, in modo da poter coprire una vasta gamma di abbinamenti. E soprattutto almeno una per ogni occasione.

THE CLASSIC
We’re talking about those models not necessary formal, but rather a passe-partout and a must for any self-respecting shoe rank. In the more casual scenario there are derbies, the more informal cousins of oxfords, with an opened facing and a rubber sole (while oxfords are closed and with leather sole) which make them versatile and always perfect; and the brogues (term that identifies the punctured surface) which are ideals for outdoors. On the other hand, oxfords have a clean cut and black or dark hues, and go steady with suits and ceremony dress code.

THE CLASSIC
Parliamo di quei modelli non tanto formali, ma che piuttosto sono un lasciapassare, oltre che un must di ogni scarpiera che si rispetti. Nello scenario più casual figurano le derby, cugine più informali delle oxford, con un’apertura sul davanti e dalla suola in gomma (a differenza delle oxford, chiuse e in cuoio) che le rendono versatili e sempre perfette, o le brogue, termine che indica la punzonatura, ideali per l’outdoor. Le oxford, invece, con quel loro taglio pulito e in tonalità nera o comunque scura, fanno coppia fissa con abiti e dress code da cerimonia.

1-3                  1.Gucci; 2.Santoni; 3.Santoni; 4.Santoni

 

THE WINTER 

Every season has its own pair of shoes. To be clear, boots can’t be worn when it is hot as the Devil’s own oven out there. So, in winter, a real gentleman knows that he can’t rely only on derbies and oxfords. Indeed, Chelsea boots are the right balance between off-duty and elegance. You can recognize them by the elastic bands long the ankles and because they have a versatile allure: vintage when in suede, or rock when in black leather.

THE WINTER
Anche se non ci sono più le mezze stagioni, ogni stagione a prescindere ha il suo paio di scarpe. Per intenderci, gli stivaletti non si indossano con un sole che spacca le pietre. In inverno, il vero gentleman sa che non potrà fare affidamento solo su derby od oxford. I chelsea boots sono infatti il giusto compromesso tra off-duty ed eleganza. Le riconosci per il dettaglio elastico lungo la caviglia e hanno un fascino versatile: vintage, se in suede, oppure rock se in pelle liscia nera.

2-3

1.Gucci; 2.Valentino Garavani; 3.Valentino Garavani; 4.Givenchy

 

THE NEW CASUAL
If the casual models par excellence are derbies or brogues, the new casual models are loafers, aka the collegiate shoes. At least at the beginning. During the years they’ve evolved and updated, without losing their undisputed appeal. Today, loafers are perfect with trousers at your ankles, a dapper look, but not too much. The more sophisticated version? The monk-straps, to be good in suit.

THE NEW CASUAL
Se i modelli casual per antonomasia sono le derby o le brogue, i nuovi modelli casual sono i mocassini, aka le scarpe dei collegiali. Almeno in origine. Con gli anni si sono evolute e aggiornate, senza mai perdere quel fascino indiscusso. Oggi sono perfetta con pantaloni alla caviglia, per dei look seri ma non troppo. La versione più sofisticata? Le monkstrap, da indossare con gli abiti.

 

Comments are closed.