Brand Focus: KTZ

KTZ

Metropolitan influences. Those nitty-gritty ones, so real and yet so beautiful. An ensamble of fashion, music, worlds and cultures. KTZ holds all these features and it is more a concept than a brand. Conceived and born in 2003 in London (of course!), grown and know all over the world now, KTZ is one of the best label right now which is able to combine streetwear and couture. Moreover, its looks speak about art, music, culture, ethnicity and energy. A successful hybrid, so desired by its founder Marjan Pejoski and Sasko Bezovski that, around their first store in Soho, have created a center for creative projects in addition to a brand and an idea of fashion, where a dynamic ready-to-wear is for everyone: both for men and women, with no distinctions of sex or race, thanks to those strong multicultural references.

Contaminazioni metropolitane. Di quelle nude, crude, tanto reali quanto belle. Un centrifugato di moda, musica, mondi e culture. KTZ racchiude in sé tutto questo, ed è forse più un concetto che brand di moda fine a se stesso. Concepito e nato nel 2003 a Londra, ovviamente, cresciuto e conosciuto ora in tutto il mondo, KTZ è uno dei migliori brand sulla piazza in grado di coniugare alla perfezione streetwear e couture. Ma non solo: i suoi capi parlano anche di arte, musica, culture, etnie, energia. Un ibrido perfettamente riuscito, tanto voluto dai suoi fondatori Marjan Pejoski e Sasko Bezovski che, intorno al loro primo negozio di Soho, hanno creato un centro di progetti creativi oltre che un brand e un’idea di moda, dove il ready-to-wear dinamico è per tutti: sia per uomo che per donna, senza distinzione di sesso o razza, grazie a quei forti riferimenti multiculturali.

 ktz1.Logo T-Shirt; 2.Printed T-Shirt; 3.Graffiti Printed Sweater; 4.All Over Printed Gusset; 5:Coloured Mirrored Tank Top; 6.Multicolor Printed Gusset Shorts

The surprising thing are the perfect oxymoron coming together in KTZ collections, where sacred and profane, modern and ancestral, anarchy and severity don’t just live together, but give life to a clear, well defined and widely recognized identity.In the last collection, inspirations are multiple and, as it’s been told, Kraftwerk meet the Russian futurism meet American sport. A borderless world, where city and exoticism are the same destination. A ready-to-wear which look like street, but speaks about art, a graffiti exposition with a biting soul. A free spirit, well dressed, which parades to the grunge music.

Quello che sorprende sono i perfetti ossimori che si incontrano nelle collezioni di KTZ, dove il sacro e il profano, il moderno e l’ancestrale, anarchia e il rigore non solo convivono, ma danno vita a un’identità chiara, ben definita e ampiamente riconosciuta. Nell’ ultima collezione le ispirazioni sono molteplici dove, come è stato definito, Kraftwerk incontra il futurismo russo che incontra lo sport americano. Un mondo senza confini, dove città ed esotismo vivono insieme. Un ready-to-wear che sa di strada, ma parla di arte, di graffiti dall’animo graffiante. Uno spirito libero, ben vestito, che sfila a ritmo di grunge.

Comments are closed.