Style Icon: Caroline de Maigret

Caroline de Maigret

There’s one question afflicting and persecuting every woman on earth: how to be a Parisian? And the answer is just one: Caroline de Maigret. Perfect embodiment of the parisienne par excellence, more than an it-girl, she’s a muse of new generation, one of those woman to aspire to, being inspired by.

Caroline de Maigret

Just turned 40 and energy to spare, what makes her an authentic icon (and not just of style) isn’t just her uncombed beauty and her laid-back closet, but that being woman, mother, model, muse and businesswoman at the same time: beyond her model role (she took a step back from the catwalk in 2004, while still staying desired by the most, like during the SS15 show for Chanel), de Maigret is co-author of the new rule-guide-book “How To Be Parisian Wherever You Are: Love, Style and Bad Habits”, and also a producer, having launched and co-founded her own music label “Bonus Track Records” with her forever partner, Yarol Poupaud.

Saint Laurent
Indeed, Caroline is above all music: a blues concert with rock’n’roll pauses. A bit rebellious, sometimes a (unexpected) diva, and always sophisticated and seductive, but of that kind of seduction that’s an attitude more than imposition, deriving from gestures, postures and talking, typical of that Parisian beauty so relaxed and so unreachable, who past and present icons like Jane Birkin, Brigitte Bardot and Inès de la Fressange have always accustomed us to, and with whom Caroline shares that famous je ne sais quoi making her a new muse of a spontaneous charm, sought-after the most famous photographers (from Mario Testino to Peter Lindbergh and Steven Meisel) as cover girl or testimonial (Lancôme).
But, it’s just behind this slick imagine that Caroline de Maigret disguises herself: beautiful without being invasive, fascinating without running after the trends, woman in the most spontaneous way possible. A true style icon or, in just one word, a Parisian.

Caroline de Maigret

Versione italiana

C’è una domanda che affligge e perseguita ogni donna del pianeta: come essere una parigina? E la risposta è solo una: Caroline de Maigret. Incarnazione perfetta della parisienne per eccellenza, più che it-girl, è una delle muse di nuova generazione, una di quelle donne a cui aspirare, inspirandosi.

Faith Connexion

Quarant’anni appena compiuti ed energia da vendere, quello che fa di lei un’autentica icona (non solo di stile) non è solo la sua bellezza spettinata e il guardaroba decontracté, ma anche il suo essere contemporaneamente donna, madre, modella, musa e businesswoman: oltre all’impegno (ormai sporadico dopo l’addio nel 2004, ma sempre decisivo) sulle passerelle (vedi la passerella Chanel per questa primavera estate), la de Maigret è co-autrice del nuovo libro “How To Be Parisian Wherever You Are: Love, Style and Bad Habits”, ma anche e soprattutto produttrice musicale, avendo dato vita con il compagno di sempre, Yarol Poupaud, la propria etichetta discografica “Bonus Tracks Records”.

Caroline de Maigret

Caroline è, infatti, anche e soprattutto musica: un concerto blues con degli inframezzi rock’n’roll. Un po’ ribelle, a volte diva (controtendenza), e sempre sofisticata e sensuale, ma di quella sensualità che è più un’attitudine che un’imposizione, che scaturisce dai gesti, dal modo di parlare, tipica di quella bellezza parigina così disinvolta e così irraggiungibile a cui ci hanno abituato icone passate come Jane Birkin e Brigitte Bardot, e presenti come Inès de la Fressange, con le quali Caroline condivide quell’invidiato je ne sais quoi e che fa di lei una nuova musa dal fascino spontaneo, voluta dai fotografi più illustri (da Mario Testino a Peter Lindbergh e Steven Meisel) come cover girl e testimonial (Lancôme).

Marsell

Ma è dietro il fascino patinato del jet set si cela la vera Caroline: bella senza essere invadente, affascinante senza rincorrere i trend, donna nel modo più spontaneo possibile. Una vera icona di stile o, in una parola, una parigina.

Comments are closed.