Photographers you should follow

photographer

Guys, let’s admit it: how many of us do really understand photography?

(Tumbleweeds rolling)

The culture of the twenty-first century is being transmitted through social networks, quite fragmented. One for all Instagram, joy and pain of each photographer.

We can pick up the delicious flash of photography, often without understand completely the sense. A beautiful walkway where fall rain of hearts for colors and materials used, but then what do it have left to us? An opening in the indifference that can open up a world for emerging artists.

Here we recommend 5 female photographers that we loved from the first likes.

1.Prue Stent

Prue Stent

Those who follow trends have to be tripped on the extreme quality of Prue Stent’s photos, Australian outsider born in 1993, already noted by the magazine worldwide. She describes a world of girls, pink and surrelism. Her works are discussed, because in the seemingly childish universe of Prue there are traces of complaint, for example on the issue of gender, race and few drops of feminism. A feeling of alienation that pervades every shot.

2.Giulia Agostini

Giulia Agostini

Beautiful things born even (and especially) in Italy. To be precise in Padua. One of those characters that exudes art, that if they don’t click, they paint or think about what to take. An art that runs on the thin line between explicit and implicit forms that do not reveal themselves in all their richness and exude realistic delicacy. Almost obsessive observation of the human body, in her photos exploring the length and breadth of a size never too intimate unveiled.

3.Amy Harrity

Amy Harrity

Amy Harrity is a photographer based in California (SF). The world that Amy prefers is surreal, sometimes mysterious. Her work is based on the study of light and spontaneity, her subjects travel in a dreamy dimension. The photograph of Amy is like friendship: inspiring and authentic.

4.Maroesjka Lavigne

Maroesjka Lavigne

Maroesjka Lavigne is 1989, and is already being talked about for years. She has already exhibited at Foam Talent exhibition in Amsterdam, at the Robert Mann Gallery in Chelsea, New York, in Paris and at the Galerie Hug Saint Guislain Museum, among many other events. She has published a book and two catalogs, all sold out. Her basic attitude is to photograph the environment, as stated in Interview Mag “When you take a picture in a beautiful place, you have to realize That still is not the background for your photograph, rather, you are its prop. The only thing added to the scene, after all, is you.” So an ego that blends with the environment, working for the success of the shot. Her latest work is next to a double trip to Iceland, everything from enjoy.

5.Maisie Cousins

Maisie Cousins

Maisie Cousins ​​is punk, hyper-realistic and provocative. Her mission is to represent the world as it is, especially with its (huge and embarrassing) defects. A sort of complaint to the exhausting search for perfection that has enslaved us. A noble goal for a photographer born in 1992, born in the age of the exaltation of the image. Her photos speak about feminism and power. A crude representation of reality, which sometimes appears awkward and ironic. One irreverent view in which we should immerse ourselves sometimes.

You could see more photos here.

Versione Italiana

Ragazzi, confessiamolo: quanti di noi ne capiscono davvero di fotografia?

(tumbleweeds che rotolano)

La cultura del XXI secolo si sta trasmettendo anche attraverso i social, in maniera piuttosto frammentaria. Uno su tutti Instagram, gioia e dolore di ogni fotografo.

Possiamo captare dei flash deliziosi di fotografia, spesso senza carpirne il senso completo. Una bellissima passerella in cui cadono piogge di cuori per accostamenti e colori, ma poi a noi cosa rimane? Un varco nell’indifferenza che può aprire un mondo ad artisti esordienti.

Qui vi consigliamo 5 fotografe che abbiamo amato dal primo like.

1.Prue Stent

Prue Stent

Chi segue minimamente i trend deve per forza essere inciampato sulla qualità estrema delle foto di Prue Stent, outsider australiana classe 1993, già notata dai magazine di tutto il mondo. Descrive un mondo fatto di ragazze, rosa e surrelismo. I suoi lavori fanno discutere, perché nell’universo apparentemente infantile di Prue ci sono tracce di denuncia, ad esempio sulla questione di genere, razziale e qualche goccia di femminismo. Una sensazione di straniamento che pervade ogni scatto.

2.Giulia Agostini

Giulia Agostini

Le cose belle nascono anche (e soprattutto) in Italia. Per la precisione a Padova. Uno di quei personaggi che trasudano arte, che se non scattano, dipingono o pensano a cosa scattare. Un’arte che corre sulla sottile linea tra esplicito ed implicito, forme che non si rivelano nella loro completezza e trasudano delicatezza realistica. Un’osservazione quasi maniacale del corpo umano, nelle sue foto si esplora in lungo ed in largo una dimensione intima mai troppo svelata.

3.Amy Harrity

Amy Harrity

Amy Harrity è una fotografa californiana. Il mondo che Amy preferisce è quello surreale, a tratti misterioso. Il suo lavoro è basato sullo studio della luce e la spontaneità, i suoi soggetti viaggiano in una dimensione sognante. La fotografia di Amy è come l’amicizia: ispirante ed autentica.

4.Maroesjka Lavigne

Lavigne

Maroesjka Lavigne è del 1989, e sta già facendo parlare di se da diversi anni. Ha già esposto alla Foam Talent exhibition ad Amsterdam, alla Robert Mann Gallery, a Chelsea, a New York, alla Galerie Hug a Parigi ed al Museo Saint Guislain, oltre a molti altri eventi. Ha pubblicato un libro e due cataloghi, tutti sold out. La sua attitudine fondamentale è quella di fotografare l’ambiente, come ha dichiarato ad Interview Mag “When you take a picture in a beautiful place, you have to realize that nature isn’t the background for your photograph, rather, you are its prop. The only thing added to the scene, after all, is you.” Quindi un Io che si fonde con l’ambiente, che collabora per la perfetta riuscita dello scatto. Il suo ultimo lavoro è successivo ad un doppio viaggio in Islanda, tutto da gustare.

5.Maisie Cousins

Maisie Cousins

Maisie Cousins è punk, è provocatoria ed iperrealista. La sua missione è rappresentare il mondo per quello che è, soprattutto con i suoi (enormi ed imbarazzanti) difetti. Una sorta di denuncia alla ricerca estenuante della perfezione che ci ha schiavizzati. Un obiettivo nobile per una fotografa classe 1992, nata nell’epoca dell’esaltazione dell’immagine. Le sue foto parlano di femminismo e potenza. Una rappresentazione cruda della realtà, che a volte appare goffa ed ironica. Un punto di vista dissacrante nel quale talvolta dovremmo immergerci.

 Potete vedere una selezione di tutte le nostre fotografie preferite qui.

Comments are closed.