Made in Italy or not? // Valeria Mangani

Made in Italy

Are you ready for a very interesting chat with Valeria Mangani?

She is the explosive force that is behind the success of the AltaRoma event, that for various reasons have risked to say goodbye to its January edition. Luckily, thanks to the tenacity and strength of people like her, the fashion shows have continued to attract the attention of the whole world on Italy and Rome in particular.

She is the brilliant personality who defends the Made in Italy and talents from around the world and obviously she is a woman with infinite class and elegance.

Follow me in a dip in her wonderful world.

- Rome and Italy in general has risked losing AltaRoma, one of its most important and exclusive event about haute couture.

VM: What motivated you to struggle with so much strength and tenacity to defend bravely this edition?

Basically, it is the love I have for this city that I like to call “Capital with a capital C”! Sometimes Italians they forget about it, Romans forget about it and the famous institutional Italy pretends not to hear …

Roma is Caput Mundi. It is the only city in the world where you can dress tailored from head to toe. We have precious realities that must be preserved and protected. Things that other capitals like Paris lost for years, like the glove makers, hatters, the shirt makers, cobblers who make custom shoes. The craftsmen are the real treasure of Italy. Even Florence and Naples are famous for the excellence of their tailors.

The first thing I did six years ago when I was elected as Vice-President of Altaroma was commissioned a land mapping of the Roman to a young French designer who had won a scholarship to the French Academy. Charted 32 shirt makers only in the historic center. Did you know there are 8 different ways to make buttonholes? We make two comprehensive guides of women and men tailoring.

Who has a Degree in Fashion Design, who has studied the trends and styles of costume history can’t refrain from loving deeply these realities whith an old tradition in high fashion, when the 50s were used by historic maisons such as Fontana sisters, Irene Galitzine, Sarli, Fernanda Gattinoni, etc…

Skip the fashion week in January would be a shame for our designers. They would lost the opportunity to present their collections on the catwalk, collections already prepared or in phase of completion, the buyers and the international press, with serious economic damage to the designers themselves. Who would pay for the damage to the designers who had invested enormous sums of money in their collections that would have remained unsold?

The Mayor Marino has changed his mind about the exit of the partnership shares in Altaroma, referring this divestment to a more appropriate time. The methods used were not very clear. It ‘a fact though that Altaroma, with its two fashion weeks a year has an impact on the territory of about 3 million euros, employing about 200 professionals, companies and workers involved in related industries generated by the event. A growth that the other two institutions involved in Altaroma (Lazio Region and the Chamber of Commerce) have well understood.

Therefore, for all that, I struggled with strength and tenacity to defend bravely this edition, as you say! With this I will definitely say goodbye to the renewal on the board of directors. But it doesn’t matter, what matters in life is to have the courage of their ideas (Voltaire docet).

From your personal point of view, what this particular special edition had more than the previous?

VM: I have an extraordinary sensitivity in perceiving situations, a sort of emotional brain that always alert and warns me. What surely understand about this edition is that there will not be another one like it!

It was an issue “in extremis” for the reasons I have explained before, is a number zero, a sero serie. I know that the new Altaroma will be like a phoenix rising from its ashes. It will be more international and will attract new people. It will be a rebirth for the city, for my capital. I’m happy! I see it as an international hub for young talent to identify, reward and launch worldwide. Even the Deputy Minister Calenda seems positively skewed in this direction. This is the right time to introduce Milan, Florence and Rome! This will make us stronger in foreign markets.

What are your projects in the next period?

VM: With my company I work on internationalization of the Made in Italy for many years. Long before it went so popular…

I promote luxury brands abroad through cultural events, exhibitions and performances specifically designed. I had a huge success by producing the “Style on Stage” show in St. Petersburg commissioned by the Russian Foundation Diaghilev Festival.

At the Museum of Music and Theatre, the spectacular Palace Sheremetev, were arranged 120 dresses that our made in Italy designers (Capucci, Gianni Versace, Valentino Garavani, Missoni, Armani, Fendi, Ferretti) have created for Opera and Ballet. Opening day with red-carpet and an extension of the international exhibition of a further two months for the daily long line of people who wanted to admire it. The Russians are a highly cultured people, and they go at the museum at any social level. They love the made in Italy above all things, for them is almost a doctrine … We should remind us a bit ‘more and have more patriotic spirit!

Admit it, after this interview you can’t wait to rush in a shop and buy Made in Italy items!

Well, the good news is that with Tessabit.com you can do it comfortably seated in front of your PC!

You know, we love you!

Marni Gianvito Rossi Daniela Gregis

Versione Italiana

Siete pronti per un’interessantissima chiacchierata con Valeria Mangani?

É la forza dirompente che si trova dietro il grande successo dell’evento AltaRoma, che per vari motivi ha rischiato di dover dire addio alla sua edizione di gennaio. Fortunatamente grazie alla caparbietà ed alla forza di persone come lei le sfilate hanno continuato ad attirare l’attenzione di tutto il mondo sull’Italia e su Roma in particolare.

É la brillante personalità che difende a spada tratta il Made in Italy ed i talenti di tutto il mondo ed ovviamente non può non essere una donna di infinita classe ed eleganza.

Seguitemi in un tuffo nel suo meraviglioso mondo.

- Roma e l’Italia in generale ha rischiato di perdere AltaRoma, uno dei suoi eventi più importanti ed esclusivi nell’ambito dell’alta moda couture.

Cosa ti ha spinto a lottare con così tanta forza e tenacia per difendere coraggiosamente questa edizione?

VM: Sostanzialmente è l’amore che nutro per questa città che a me piace chiamare Capitale con la C maiuscola! A volte gli italiani se lo dimenticano, i romani se lo scordano e il famoso made in Italy istituzionale fa finta di non sentire…

Roma è Caput Mundi in tutti i sensi. E’ l’unica città al mondo dove ci si può vestire su misura dalla testa ai piedi. Abbiamo realtà preziosissime che vanno preservate e tutelate. Realtà, che le altre capitali come Parigi hanno perso da anni, come i guantai, i cappellai, i camiciai, i calzolai che realizzano scarpe su misura. Gli artigiani sono il vero petrolio dell’Italia. Anche Firenze e Napoli con i famosi sartori seguono questa eccellenza.

La prima cosa che feci sei anni fa quando fui eletta alla Vicepresidenza di Altaroma fu commissionare una mappatura del territorio artigiano romano ad un giovane stilista francese che aveva vinto la borsa di studio all’Accademia di Francia. Mappò 32 camiciai solo nel centro storico. Lo sapevate che ci sono 8 modi diversi di fare le asole? Da li nacquero poi due guide complete del su misura da donna e da uomo.

Chi ha un Degree in Fashion Design, chi ha studiato i trend e gli stili della storia del costume non può esimersi dall’amare profondamente queste realtà che trovano le loro radici ancestrali negli arbori dell’alta moda, quando negli anni ’50 venivano usati dalle maison storiche quali le Sorelle Fontana, Irene Galitzine, Sarli, Fernanda Gattinoni, ecc…

Saltare la fashion week di Gennaio sarebbe stata un’onta per i nostri stilisti. Avrebbe significato perdere l’occasione di presentare in passarella le loro collezioni, già pronte o in fase di ultimazione, ai buyers e alla stampa internazionale, conseguendone un grave danno economico per gli stilisti stessi. Chi avrebbe pagato i danni agli stilisti che avevano investito cifre enormi nelle loro collezioni che sarebbero rimaste invendute? Il Sindaco Marino ci ha dovuto ripensare dunque e rinunciare all’uscita della compartecipazione delle quote di Altaroma, rimandando a tempi più consoni la dismissione delle stesse. Diciamo che anche le modalità usate hanno lasciato molto a desiderare. E’ un dato di fatto però che Altaroma, con le sue due fashion week l’anno abbia una ricaduta sul territorio di circa 3milioni di Euro, dando lavoro a circa 200 professionalità, imprese e maestranze coinvolte nell’indotto generato dalla manifestazione. Un’indotto che le altre due Istituzioni coinvolte in Altaroma (Regione Lazio e Camera di Commercio) hanno ben compreso.

Perciò, per tutto ciò, ho lottato con forza e tenacia per difendere coraggiosamente questa edizione, come dici tu! Anche se questo mi sarà costato sicuramente il rinnovo nel cda (Consiglio d’Amministrazione). Però non importa, ciò che importa nella vita è avere il coraggio delle proprie idee (Voltaire docet).

- Dal tuo personale punto di vista, cos’ha avuto di speciale questa particolare edizione rispetto alle precedenti?

VM:Diciamo che io ho una straordinaria sensibilità nel percepire le situazioni, una sorta di cervello emotivo che è sempre all’erta e mi avvisa. Ciò che sicuramente questa edizione mi ha trasmesso, è che non ce ne sarà un’altra così!

E’ stata un’edizione in extremis per le ragioni che ho spiegato prima e pertanto è un numero zero, di una serie zero. Sono certa che la nuova Altaroma sarà come un’araba fenice che risorge dalle proprie ceneri. Sarà molto più internazionale e attirerà personaggi che fino a ieri non si erano mai voluti mischiare con Altaroma più di tanto… Sarà una rinascita per la città, per la mia Capitale. Ne sono felice! La vedo come un hub internazionale di giovani talenti da identificare, premiare e lanciare a livello mondiale. Anche il Vice Ministro Calenda mi sembra che si sia sbilanciato positivamente in questo senso. Ed era ora che finalmente qualcuno mettesse a sistema Milano, Firenze e Roma per il made in Italy! Questo ci renderà più forti sui mercati esteri.

- Quali sono i progetti nei quali ti vedremo impegnata nel prossimo periodo?

VM: Con la mia società mi occupo di internazionalizzazione del made in Italy da molti anni. Da molto prima che andasse così di moda…

Promuovo brand del Lusso all’estero attraverso eventi culturali, mostre o spettacoli disegnati ad hoc. Un successo enorme l’ho avuto producendo la mostra Style on Stage a San Pietroburgo su commissione della Fondazione Russa Diaghilev Festival. Al museo della Musica e del Teatro, lo spettacolare Palazzo Sheremetev, sono stati disposti con sapiente maestria, 120 abiti che i nostri stilisti del made in Italy (Capucci, Gianni Versace, Valentino Garavani, Missoni, Armani, Fendi, Ferretti) hanno creato per l’Opera e il Balletto. Opening con red-carpet internazionale ed estensione della mostra di ulteriori due mesi per la lunghissima fila quotidiana di persone che volevano ammirarla. I russi sono un popolo altamente acculturato, e qualsiasi livello sociale e vanno eccome ai musei! Amano il made in Italy sopra ad ogni cosa, quasi una dottrina…Dovremmo ricordarcelo un po’ di più qui in Italia ed avere più spirito patriottico!

Ammettetelo, dopo questa intervista non vedete l’ora di correre nei nogozi ed acquistare un capo totalmente Made in Italy.

Beh, la buona notizia è che non dovete scomodarvi.

Tessabit.com vi da la possibilità di farlo comodamente seduti davanti al vostro pc!

Poi non dite che non vi vogliamo bene!

Dolce&Gabbana Emporio Armani Faliero Sarti

Comments are closed.