Amandla Stenberg is the ultimate muse

Amandla-Stenberg

If you too are in the dramatic phase in life when you wonder that there are people who were born after 1995, be able to drive, do and say things with meaning, this is the post for you. Let’s talk about Amandla Stenberg, who was born in 1998 and has already done enough to be remembered for decades to come. It is a captivating mix of femininity, feminism and talent. But above all she is a young black woman.

Se anche voi siete nella drammatica fase della vita in cui vi stupite che esistano persone nate dopo il 1995, in grado di guidare, fare e dire cose con senso compiuto, questo è il post che fa per voi. Parliamo di Amandla Stenberg, che è nata nel 1998 ed ha già fatto abbastanza per essere ricordata nei decenni a venire. È un mix accattivante di femminilità, femminismo e talento. Ma soprattutto è una giovane donna nera.

crunch

Una foto pubblicata da amandla (@amandlastenberg) in data:

 The first steps moved them in fantastic worlds of Mc Donald and Wallmart, and later dedicated to the rights of the black population in the United States, actively participating in buildthedream.org for the construction of a memorial to Martin Luther King. Then in 2010 the artistic breakthrough with roles in Colombiana and The Hunger Games, an excellent springboard to achieve fame needed to do what interestsher: the activist. The causes that affect her are related to the rights of African Americans, and women in particular, with the slogan #BlackLivesMatter. In 2015 she was appointed to Times among the 30 most influential teenagers in the world, for social and artistic merits, and in 2016 appears on the cover of Teen Vogue after the interview by Solange Knowles.

I primi passi li ha mossi nei fantastici universi di Mc Donald e Wallmart, per poi dedicarsi ai diritti delle popolazione di colore negli Stati Uniti, partecipando attivamente a buildthedream.org per la costruzione di un memoriale a Martin Luther King. Poi nel 2010 la svolta artistica con i ruoli in Colombiana e The Hunger Games, un ottimo trampolino di lancio per ottenere la fama necessaria per fare ciò che le interessa: l’attivista. Le cause che le interessano riguardano i diritti degli afroamericani, e delle donne in particolare, con lo slogan #BlackLivesMatter. Nel 2015 viene nominata da Times tra i 30 teenager più influenti al mondo, per meriti sociali e artistici, e nel 2016 compare sulla copertina di Teen Vogue dopo l’intervista da parte di Solange Knowles.  

pic of me aka bob the builder (by @mattxiv) Una foto pubblicata da amandla (@amandlastenberg) in data:

Amandla is the daughter of a generation that began to question races and sexuality. Some time ago she said to I-D magazine she understood to be black when a child, playing hide and seek, called her with “Where is my lovely little black girl?”. Awareness needed to reflect a strong thematic, that she refused sometimes in adolescence, and then figure out how to be an essential part of his being: “I realized that the black part of my identity is extremely, extremely important to me. It has completely changed my own conception of human being “

Amandla è figlia di una generazione che fortunatamente ha iniziato a mettere in discussione razze e sessualità. Qualche tempo fa aveva dichiarato ad I-D magazine di aver capito di essere di colore quando da piccola, giocando a nascondino, era stata chiamata con “Where is my lovely little black girl?”. Una presa di coscienza necessaria per riflettere su una tematica forte, che nel periodo dell’adolescenza qualche volta ha rifiutato, per poi capire come fosse una componente essenziale del suo essere: “Mi sono resa conto che la componente nera della mia identità è estremamente, estremamente importante per me. Ha completamente cambiato la mia stessa concezione di essere umano”

the look I gave my SAT this morning

Una foto pubblicata da amandla (@amandlastenberg) in data:

 

I have so many projects in the pipeline, the close friendship with Tavi Gevinson and Willow Smith have allowed it to have a discussion on sexual issues, environmental and racial. In an interview with Teen Vogue declared her bisexuality and a sort of manifesto “And not just women of color – bisexual women, gay women, transgender women, women with the disease of the mind. I’m tired of all the misogyny and homophobia and transphobia that I see around me, it’s too much. ” She grew up idolizing pop stars like Destiny’s Child, Ciara, Gwen Stefani and Alicia Keys. “I was trying to figure out who I was as a black child, then I started going to school on the Westside, which was mainly attended by Caucasians, so there was always this interesting puzzle to understand how the different parts of my identity existed in different places. At school, all the children were white, and in the house all my friends were blacks ,. is a duality that many bi-racial children are forced to face. “

I progetti in cantiere sono tanti, la stretta amicizia con Tavi Gevinson e Willow Smith le hanno permesso di avere un confronto su tematiche sessuali, ambientali e razziali. In una sua intervista a Teen Vogue dichiarava la propria bisessualità ed una sorta di manifesto “E non solo le donne di colore – donne bisessuali, donne gay, donne transgender, le donne malate di mente. Sono stanca di tutta la misoginia e omofobia e la transfobia che vedo intorno a me, è troppa”. E’ cresciuta idolatrando pop star come Destiny Child, Ciara, Gwen Stefani e Alicia Keys. “Stavo cercando di capire chi fossi come bambina nera, poi ho iniziato ad andare a scuola nella zona del Westside, che era prevalentemente frequentata da caucasici, quindi c’era sempre questo interessante enigma di capire come le diverse parti della mia identità esistessero in luoghi diversi. A scuola tutti i bambini erano bianchi e in casa tutti i miei amici erano neri, è un dualismo che molti ragazzi bi-razziali sono costretti ad affrontare ” .

How can we forget the attack on Kylie Jenner, who’s wearing braids African-American fashion has missed an opportunity of racial acceptance. Amandla has responded with a video, which went viral in no time, in which she explained how African American culture has always been the subject of appropriation and not exchange, a kind of theft that did not involve integration. But the attitude of Stenberg is not just a complaint, but also the reaction, whence film projects with Willow Smith and Zendaya. From this year will study at New York University, we will see some good.

Come dimenticare l’attacco a Kylie Jenner, che indossando delle trecce afroamericane alla moda ha perso un’occasione di accettazione razziale. Amandla le ha risposto con un video, che in poco tempo è diventato virale, nel quale si spiegava come la cultura afroamericana sia sempre stata oggetto di appropriazione e non scambio, una sorta di furto che non implicava un’integrazione. Ma l’atteggiamento della Stenberg non è solo di denuncia, ma anche di reazione, da qui nascono i progetti cinematografici con Willow Smith e Zendaya. Da quest’anno studierà alla New York University, ne vedremo delle belle.

peace fashion week, thanks for the mmrs

Una foto pubblicata da amandla (@amandlastenberg) in data:

2015 was also the year in which, with Rowan Blanchard, has been named “Feminist of the Year” by the Ms. Foundation for Women, and was chosen as the face of POP fragrance by Stella McCartney,  with Grimes. In all this, are you still sitting on the sofa?

Il 2015 è stata anche l’anno in cui, assieme a Rowan Blanchard, è stata nominata “femminista dell’anno” dalla Ms. Foundation for Women ed è stata scelta come testimonial della fragranza POP di Stella McCartney, assieme a Grimes. In tutto ciò, voi siete ancora seduti sul divani?

I’m going to Sundance next week. Full story on the @wearesweet snapchat

Una foto pubblicata da amandla (@amandlastenberg) in data:

It’s time to get up to change the world with Amandla.

È ora di alzarsi a cambiare il mondo con Amandla.

Comments are closed.